forestalisicilia.com

blogforestali.it

SCRITTORE PER IL WEB FORESTALE SANTO CORTESE

Benvenuti nel notiziario dei Forestali Sicilia

Il desiderio della montagna, l’uomo, stanco della città, vuole rifugiarsi nei boschi che per quanto belli e spettacolari, non sono ancora valutati dai politici siciliani. Bisogna offrire al piano forestale la natura stessa e volgere lo sguardo verso chi lavora in questo settore poco stimato. Bisogna rivalutare, apprezzare i lavoratori forestali e fare in modo che abbiano un contratto a tempo indeterminato, ma sembra ci sia qualcuno che non ama accettare questa sfida, e così, nella Patria della Sicilia, i forestali ancora lottano, smarriti e incerti di un nuovo futuro, per vedere affermato il loro ruolo di difensori, tutori e lavoratori della natura paesagistica forestale.

Sveleremo tutte le notizie e tutti i retroscena della forestale in Sicilia.


PATRIMONIO BOSCHIVO SICILIANO

Il patrimonio boschivo siciliano è cosa di tutti, quindi impariamo a tutelare e difendere i terreni boschivi di interesse paesaggistico e naturalistico, impariamo a rispettare tutti i terreni, i parchi e le aree attrezzate. Il bosco è un bene comune, e va coltivato dagli addetti ai lavori forestali, ma sembra che ormai tutti i forestali siano stati abbandonati dalle politiche regionali in Sicilia.

Le risorse forestali sono il mantenimento dell’ossigeno, infatti, il bosco assorbe anidrite carbonica rilasciando ossigeno utile alla respirazione umana, il mantenimento delle frane, garantisce gli equilibri naturali, garantisce inoltre il turismo nei parchi e nelle aree attrezzate forestali, inoltre le radici delle piante assorbono e filtrano l’acqua piovana che viene purificata. Il terreno viene mantenuto fertile grazie alle foglie che cadono e si trasformano in humus.

Evitiamo di gettare rifiuti nei boschi.

Evitiamo di gettare mozziconi di sigarette nel demanio.

Evitiamo di accendere fuochi, è vietato e pericoloso.

Stimiamo il bosco e i forestali che vi lavorano.

I forestali amano il bello del bosco e tutte le sue manifestazioni.

Lavorare nei boschi è cosa necessaria e questo lavoro deve essere tutelato dalla Regione Siciliana.

Lavorare nei boschi a spegnere gli incendi è cosa utile e di dovere morale, civile, e lavorativo e per questo le squadre antincendio devono avere una meritevole lode e un meritevole elogio lavorativo.

Anche se, l’aria che si respira sui forestali, da parte dei politici e dell’opinione pubblica, è negativa, noi di forestalisicilia.com chiediamo alla Regione Siciliana il mantenimento e il rafforzamento del comparto forestale, per il mantenimento di tutti i boschi.

Il dovere di mantenere i boschi attivi e vivi si impone all’uomo e a chi ci governa, e, chi viene meno a questa legge della natura non ha una netta morale verso la tutela del demanio e del patrimonio boschivo.

Questa è la storia dei boschi, questa è la storia dei forestali, questa è la storia che mantiene e deve mantenere in vita le piante, così tutti dobbiamo difendere le foreste e i forestali.

Santo Cortese


UN TUFFO NEI BOSCHI COME TERAPIA

In Giappone e in Usa una pratica molto diffusa per curare lo stress è la “foresta terapia”. Ma vediamo di cosa si tratta: è una terapia prescritta dai medici per trovare pace interiore nella natura, tra la quiete del verde.

Questa terapia è molto diversa dai farmaci prescritti dai medici, e, non ha effetti negativi, ma cura molte patologie quali ansia, stanchezza, quindi passeggiare nei boschi riduce il colesterolo e regolarizza i battiti cardiaci.

Noi invitiamo i medici a prescrivere la “foresta terapia” a chi ne abbia bisogno, infatti, l’idea è già partita dal Giappone, proprio, con il metodo “ bagno nelle foreste”, quindi niente smog, niente cemento di città, per curare molte patologie e tutto ciò porta ad una terapia di cura, anche mentale.

E’ bello vedere i boschi di dolce mestizia e coronati di verde, di foglie disperse, che, spesso, mosse dal vento sembrano dare una carezza alla mente umana.

Invitiamo tutti gli psichiatri a prescrivere gite nei boschi per curare lo stress, la depressione, la rabbia, e molte altre patologie, infatti, grazie alla presenza di profumi, odori, fraganze che emanano le piante, esse curano e rilassano la mente umana, in sostituzione di medicine antidepressive.

Il concetto ispiratore è questo, il culto dei boschi, contro lo smog della città.

Valorizziamo i nostri boschi, perché essi sono aria pulita e pura, salute, pace, serenità, libertà, contentezza allietata dai trilli degli uccelli desti tra le foglie.

Passare qualche ora nei boschi significa, quindi, fuggire dal caos cittadino, allontanare lo stress, la stanchezza, qui ora potrebbe essere una segreta terapia, curativa.

Santo Cortese


LA BELLEZZA DEI BOSCHI

A tutti quelli che dicono che i forestali sono un peso per Regione voglio rispondere con tono pacato e sincero, dicendo loro che mentono a se stessi. La natura stessa dei boschi, da noi coltivati, non è mai ribelle come quelli che mettono sempre il bastone tra le ruote del comparto forestale in Sicilia.

Siamo nel 2017 e il dovere della coscienza di chi lavora nei boschi si fa sempre più vivo e presente in tutti i lavori forestali, per mantenere sempre verde le nostre zone demaniali forestali.

I forestali siciliani non sono un peso per la Regione, come qualcuno afferma, ma, anzi, sono molto utili e indispensabili per il rinnovo del bosco.

Ogni lavoratore forestale ha la sua qualifica professionale ed è adibito a svolgere le mansioni che egli conosce perfettamente e bene: parliamo di decespugliatoristi, motoseghisti, imboschitori, addetti ai parchi, capo squadra, autobottisti, antincendio, conduttori mezzi agricoli, capo operai, e così via.

Il lavoro dei forestali è come un’arte per un artista, come una canzone per un cantante, e, mai si distrae dalle sue mansioni, per questo tutti i forestali devono essere elogiati, perché mantengono la bellezza dei boschi, e, soprattutto le squadre antincendio che lavorano per spegnere il fuoco e quindi salvare i boschi dalle fiamme pericolose e nocive.

Se i boschi esistono è perché esistono i forestali.

Se i boschi sono puliti è perché vengono puliti dai forestali.

Se i boschi sono vivi e verdi è perché li fanno vivere i lavoratori forestali.

Se i boschi sono pieni di alberi è perché il lavoro di piantumazione è stato fatto dai forestali.

Basta solo osservare la bellezza dei boschi e rendersi conto di quanto vale un lavoratore forestale, qualunque sia la sua qualifica.

La bellezza dei boschi è opera dei forestali tutti.

Questi sono i boschi.

Questa è la nostra Sicilia.

Questo è il lavoro dei forestali.

Salviamo la bellezza dei boschi.