Santo Cortese autore e compositore melodista, dopo il successo di Amore digitale, scrive un’altra canzone in dialetto siciliano dal titolo Cielu e mari. Un’altra splendida gemma musicale tra le pagine della sua Sicilia, è la descrizione del mattino, in una città in festa, sotto il sole d’estate, nella verde pittura di una natura nella sua naturalezza , ove l’anima di chi ascolta il brano prova una soave serenità e contentezza. Cielu e mari, il cielo e il mare della Sicilia, nel contemplare e considerare una vita, come i primi raggi di sole, sullo sfondo del mare, fino a quando scende la sera ove tutto tace. Il ritornello della canzone si fa forte con un riff rockeggiante che torna alla realtà melodica del nostro tempo, qui una canzone dialettale mista al rock, con significato patriottico. Canzone che coglie l’attimo di una città natale, bella per le sue feste e la sua gente, uno sguardo, un sorriso, una festa come scintilla apre una nuova giornata di una città sotto il sole, di una città tra Cielu e mari.

CIELU E MARI AUTORE SANTO CORTESE

INTERPRETE STEFANO VIRGA

CIELU E MARI     (autore Santo Cortese)

 

La genti lassa la città oi è festa

u suli sinni va… a mmari minni vaiu

a notti cchiù tranquilla arriva ccà

u suli spacca i petri ccà.

 

L’aria è frisca di matina oi è festa

u mari è cchiù tranquillu u cielu è serenu

matina di maiu u trenu è luntanu

sulu tu terra mia po sapiri.

 

Cielu e mari vogliu vulari

sientu u profumu…u profumu do mari

cielu e mari nun vogliu scurdari

intra sta casa nun vogliu cchiù stari

chhiù stari… chhiù stari… chhiù stari…

chhiù stari… chhiù stari… chhiù stari…

 

A festa ormai è finita ccà nenti resta

a notti sutta cielu è sempri festa

matina i cielu d’agustu è serenu.

 

L’aria è frisca di matina oi è festa

u mari è sempre cchiù blu e u cielu dormi

matina di suli forti u trenu si ferma

sulu tu terra mia po capiri.

 

Cielu e mari è la terra mia

sutta la luna vogliu amari

cielu e mari è la vita mia

sutta li stiddi vogliu vulari

vulari… vulari… vulari…

vulari… vulari… vulari… vulari…

 

Cielu e mari vogliu vulari

sientu u profumu…u profumu do mari

cielu e mari nun vogliu scurdari

intra sta casa nun vogliu cchiù stari

chhiù stari… chhiù stari… chhiù stari…

chhiù stari… chhiù stari… chhiù stari…

(Santo Cortese)

———————————————————————————————————————————————————-

COMPOSITORE MELODISTA


Il compositore melodista è l’artista che crea opere musicali, sia per orchestre, per musica leggera, pop, rock, insomma per tutti i generi musicali. La composizione musicale si divide in “Armonia” e “Melodia”. L’armonia è la teoria musicale che studia la sovrapposizione verticale e simultanea dei suoni e gli accordi. La melodia è una successione di suoni di altezza differente e differente durata. Scrivere una melodia significa scrivere i sentimenti dell’animo, scolpiti nella mente del compositore melodista, che con tocchi magistrali presenta le note. E questo è Santo Cortese, compositore melodista, iscritto alla S.I.A.E. L’arte squisita del Cortese si rivela nell’accorgimento di sdoppiarsi: da una parte c’è l’autore e dall’altra il compositore. Abbiamo così uno di fronte all’altro, il compositore, musicista chitarrista, adulatore di note e il poeta autore com’è nella realtà. Cortese rende la poesia tanto vera e piena di canzone e il motivo primario , nelle sue canzoni, è l’anima dell’ode e l’ode dell’anima. La grandezza morale del Cortese è tutta questa fierezza, che nella melodia italiana, trova un confronto soltanto in artisti famosi. La sua melodia è la sua nobiltà d’animo, che viene subito alla nostra mente, con le sue canzoni, e scrive con versi gagliardi, con versi ritmati e pieni di metrica che ben si adattano alla sua melodia. La sua ispirazione è data dalla strada, dal modo di vivere di ogni giorno, dalla vita vissuta tra uno schermo di computer, e trattandosi di opere melodiche, vi è un intreccio di immaginazioni, che finge fatti avvenuti e non avvenuti, per dare origine ad una nuova canzone. Santo Cortese è il nuovo compositore melodista innovativo, inebriato dall musica, inebriato dalla poesia. Santo Cortese è il compositore del sorriso, e anche di ironia e sotto la parodia del mondo della canzone, scrive storie prendendo spunti dalle pubblicità televisive, da film, da spettacoli, dal mondo della chat e dalla nuova comunicazione via sms e computer.